-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

VITA A COLORI, DOMENICA 9 MARZO IN CLUB HOUSE MOSTRA DELL'ARTISTA ANNA ZANONI

 “VITA A COLORI” Mostra di Anna Zanoni 

Club House dell’Ippodromo Arcoveggio – Via Corticella 102   Bologna

dalle ore 14.30
in occasione della “Festa della Donna”dedicata all’Associazione Susan G.Komen Italia per la lotta al tumore al seno
 
Di Anna Zanoni hanno scritto:

Anna  Maria Zanoni comincia a dipingere dopo il liceo, avendo scoperto una sua predisposizione per la pittura e il piacere per questa attività. Dopo una lunga interruzione, negli ultimi anni riprende in mano i “ferri del mestiere”, riscoprendo intatto il desiderio di rappresentare sulla tela la propria sensibilità. Torna all’antica  confidenza con figure e  colori, riproducendo  i grandi maestri, in particolare gli amati impressionisti.  Mano a mano che la sua tecnica si affina,  sempre più fa valere la sua personalità espressiva. I soggetti appartengono alla quotidianità e sulla tela si sfumano in un’aura di intimità:scorci di  antichi borghi, piccole scale di pietra ben tenute, facciate fiorite, una vecchia casa di campagna, muri il cui rosso è squarciato da una finestra semiaperta oppure  velata dal candore di una tenda inamidata che nasconde  la vita che si svolge all’interno. Ci sono anche paesaggi naturali , campagne attraversate da calmi corsi d’acqua azzurra, tersa come il cielo che si apre luminoso, anche quando è attraversato da nubi leggere,  boschi di alberi slanciati in cui la luce filtra senza ostacoli, una vecchia potente  quercia colta durante un maestoso foliage: luoghi pacifici e pacificanti.  E ci sono anche i fiori, i primi: un vaso su un tavolo che, visto dall’alto, appare come curiosamente inclinato , quasi una citazione di Cezanne, e quelli più tecnicamente maturi;  fiori senza pretese e ricchi di colore, raccolti da una mano semplice e messi  in un vaso così come capita, dei gigli dal biancore carnoso che sembrano volersi staccare dallo sfondo come per affermare la loro autonoma capacità di prendere vita. E la tecnica corrisponde perfettamente ai soggetti che maggiormente suscitano l’interesse  di Anna Zanoni: è un pennello leggero, preciso, quasi “invisibile”, quello che lavora sulla tela e la riempie in ampie campiture; anche l’impianto scenografico deve suscitare in chi guarda un senso di armonia: la prospettiva , i piani di visione sono rispettati , ma forse l’aspetto che più caratterizza la pittura di Anna Zanoni è il colore: preciso nel cogliere la realtà ( pur nella consapevolezza dell’inganno della visione), vivo e puro,nessuna bassa intensità tonale, ma neppure forzature iperrealiste. E’ come se tutto concorresse a rappresentare un mondo perfetto e naturale dove la vita si svolge discretamente secondo ritmi  regolari e morbidi,niente rotture sincopate, invece una sinfonia melodica che rivela forse un innato sentimento di intesa tra la pittrice e il mondo o forse un desiderio pacato di un mondo migliore.
 
Prof.ssa Alessandra Di Sante
 
                                   
 

 

> Torna Indietro