-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

Resoconto delle corse di giovedì 14 marzo

 Alle corse sotto l’ombrello

Giovedì all’insegna di Giove Pluvio all’Arcoveggio, con un cielo plumbeo carico di pioggia ad accompagnare il divertente convegno infrasettimanale, aperto dai tre anni e dal match a suon di parziali tra i due più attesi, Richelieu Terzo e Rio De Mazval, con quest’ultimo preminente in 1.16.0 sotto la decisa regia di Roberto Vecchione, mentre Rio Tav ha completato il podio dopo difficile partenza, poi gentleman ed esperti anziani, per il coast to coast vittorioso di New Cash, la figlia d’arte di casa Papagno che Alfredo Galeazzi ha accompagnato al traguardo su Lastorre Guasimo e Messerschmitt in 1.17.0. Asticella in alto per la terza corsa, un miglio contraddistinto da tasso tecnico rilevante, con otto cadetti in gara all’insegna dell’equilibrio e parziale delusione per i sostenitori del favorito Pato Effe e del suo driver Andrea Farolfi, leader senza evidenti problemi sino a pochi metri al palo, beffati dal finish ficcante di Penelope Sfa che ha regalato il doppio ad Roberto Vecchione nel ruolo di sostituto del titolare Andrea Buzzitta, 1.15.3 il ragguaglio con Peltross a beneficiare della squalifica di Push Up Valley e conquistare un ben remunerato terzo posto. Generazione 2010 in pista alla quarta e primo hurrah di una giovane e promettente  carriera per Ramadan Jet, buon prospetto di Massimo Donati vincitore non senza patemi all’epilogo per la tardiva quanto incisiva rimonta di Rodney Nord Fro e Rinaldo Mp, mentre alla quinta, la sfida in rosa che reggeva il cartellone felsineo, black out delle favorite Potenza Om e Perla Axe e vittoria della finisseur Primula Brazzà  su Polar Wind Gar, il tutto in 1.14.9 sotto l’egida tattica di Andrea Farolfi, driver felsineo assurto ai vertici tricolori 2013 dietro ai leader Di Nardo e Bellei. Anziani di lungo corso alla sesta, un handicap abbinato alla Tris che Orlando Blue e Salvatore Valentino hanno dominato dopo manovrato percorso d’attacco su Nicol Grad e Idillio Max, per i vincitori ragguaglio di 1.18 e quota siderale di venti contro uno con terno ippico a lievitare sino a 1351,64 euro, poi, triplete targato Roberto Vecchione grazie all’arrembante Padrepadrone Par, sempre al largo del battistrada Plinio e preminente di misura in 1.15.3 sul coetaneo guidato da Federico Esposito, mentre Plutonio Om completava il podio non lontano dai due belligeranti ed in chiusura, meritata vittoria dopo lunga attesa per Orione Om , con Francesco Virzì, a proiettarne  la figura in open stretch per battere il leader Macaone Jet,quota adeguata per il binomio siculo emiliano 4,78 e media di 1.16.0 con Istrice Gianfi terzo non lontano.

 


> Torna Indietro