-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: Giovedì 29 Dicembre

Per  Suerte’s Cage vittoria gelata
 
Giovedì  dagli eccellenti spunti tecnici all’Arcoveggio, con gli anziani padroni della scena in un miglio dallo stringato quanto qualitativo campo partenti che vedeva Onoria nel ruolo di favorita su Padania Zeta e Suerte’s Cage, mentre il rientrante Odinga vestiva i panni della sorpresa. Sembrava in una botte di ferro la matura allieva di Manuel Pistone, leader senza colpo ferire su Odinga e Sing Sing Gk, e libera di giostrare a piacimento con il suo interprete a dosare con perizia il ritmo della contesa, ma ai seicento finali, un deciso Suerte’s Cage ben calibrato da Andrea Farolfi, iniziava un deciso forcing che fiaccava le resistenze della favorita e gli consentiva di ottenere un franco primo piano al ragguaglio di 1.14.0, nei confronti della stessa Onoria e dell’appostato Odinga.
Pomeriggio gelido sin dal prologo riservato ai cadetti con in sediolo gli allievi, miglio che ha premiato la grinta di Tequila Gk e del giovane Marrapodi che in 1.16.36 hanno battuto di giustezza la coppia Tayron Grad e Gennaro Cecere, mentre a qualche lunghezza Teddy Bear e Simone Levacovich hanno completato il podio, poi, tre anni dalla elevata caratura atletica e bel match nelle fasi finali tra il favorito Uraco Ferm e l’accorrente Us And Them, con il primo ancora tonico agli ordini di Roberto Vecchione e vittorioso in 1.14.2 sull’avversaria guidata da Andrea Farolfi, terzi con qualche recriminazioni Uppupa Spritz e Manuel Pistone, costretti a parziali mozzafiato da Urlo D’Ete  nelle fasi d’avvio e in comprensibile calo ai duecento conclusivi. Tutto come da copione alla terza corsa, Sharm El Sheik  e Monti doveva essere e così è stato all’epilogo, con il composito duo a sbrigare in assoluta scioltezza la pratica vittoria dominando una flebile concorrenza al ragguaglio di 1.16.2, secondo Oktober Fest, terzo Michel Trio, mentre alla quarta, con i quattro anni impegnati sulla media distanza, coast to coast vittorioso per Tornesina Vol, miler di vaglia che ha sorpreso tutti conquistando la testa della corsa e chiudendo brillantemente l’impegno in un notevole 1.14.7 ben guidata dal giovane Luca Schettino lasciandosi alle spalle il favorito Tanay ed un positivo Tank You Sf, ed alla quinta, Gocciadoro e la deb Virginia Grif in bello stile sulla movimentatrice Viperina Spin e sulla stanca battistrada Vanga Jet, il tutto in 1.17.2. Nastri e doppio chilometro alla sesta corsa, tre anni al via e vittoria a quota siderale per Uwasaby Gaps e Maurizio Visco nei confronti di Urasia Tab e Ursula Trio, mentre l’iniziale leader Umberto ha sbagliato in zona off limits finendo squalificato, ed in chiusura, successo dopo corsa d’attesa per Seta Pura Spin e Maurizio Cheli che in 1.17.5 hanno regolato Rolex Winner, in testa dalla giravolta e poco incisivo all’epilogo e Sofort Rl.

> Torna Indietro