-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: Giovedì 22 Settembre 2016

Uma Laumar vince nella giornata dei cestisti
 
Giovedì bolognese nel segno delle femmine di tre anni, con le otto corse dedicate ai cestisti che resero celebre la ex Jugoslavia ed il clou intitolato al più grande talento degli anni 80, Drazen Petrovic, prematuramente scomparso nel pieno di carriera da stella della Nba e di capitano della nazionale . In otto al via, le protagoniste del clou avevano nella trevigiana Uma Laumar la netta favorita al betting, con la giovane allieva di Walter Zanetti guidata da Andrea Farolfi, fedele al ruolo assegnatole  dal pronostico e facile vincitrice in 1.14.8 dopo corsa di testa davanti a Us And Them e Ursa De Gleris. Puledri di buon livello aprivano le ostilità nel nome dell’ala tiratrice Mirza Delibasic, con alcuni debutti di qualità da segnalare e la pista a premiare la tenace Vanni Indal, pupilla di Renè Legati e sorella della facoltosa Sonia, vincitrice in un notevole 1.17.2  dopo percorso esterno sull’altrettanto seguito Vin Speed Chuc Sm, mentre al terzo posto è giunto il veneto Vlad Vik, poi, nel solco di un trend favorevole ai più attesi, facile assunto per Teodora Lans,  che in 1.14.2 ha facilmente  disposto di Tiffany Effe e Tornado del Pino, ben sostenuta da Enrico Bellei. Campo scarno alla terza corsa, miglio per anziani di buon livello con Pato Effe e Power Jolly  a dividersi i favori del pronostico e con quest’ultimo preminente alla siderale media di 1.13.5 sull’avversario minacciosamente avvicinato in dirittura dalla diligente She’s A Woman, il tutto a sancire il secondo hurrah pomeridiano di Enrico Bellei, mentre alla quarta il testimone passava ai gentleman, con  la delusione patita dai numerosi sostenitori di Tipika D’Aghi, reginetta dell’estate cesenate vittima di un inatteso flop a vantaggio di Toutunmiracle  Rob e Alfredo Galeazzi, dominatori in 1.16.4 su Tayron Grad e Totò Dei Veltri, ed alla quinta, handicap sulla media distanza orfano della favorita Optimistic Face , vittoria in open stretch di Raptile e Igor Guasti in  1.16.5 su One Piece e Olimpo del Nord partito in palese ritardo. Trasferta vincente per la Galeazzi family a Bologna, dopo papà Alfredo in gentleman, alla settima è stato il giovane Manuel a sbaragliare il campo grazie all’inespressa Une De Rob, vincitrice al ragguaglio di 1.17.6 su Ultralight e Uppymar ed in chiusura, Michel Trio e Marco Stefani vincitori in 1.16.1 dopo gara movimentata per la lotta tra Soraya Roc e Pelmo Rob, poi nelle retrovie, con Rotokat e Nemsi Rab ad occupare i restanti gradini del podio.

> Torna Indietro