-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: Giovedì 20 Ottobre 2016

Tempo da lupi non ferma Bellei
 
Anticipo d’inverno all’Arcoveggio, in un giovedì che prometteva emozioni e spettacolo grazie ad un accattivante programma di corse incentrato sul clou per due anni e su una sfida sulla breve distanza riservata ad anziani dal ricco palmares.  Dedicata al vincitore di un lontano Due Torri, Nik Om, la prova più ricca del pomeriggio è andata a Vitesse Play, ennesima proposta vincente di un indiavolato Enrico Bellei, che dopo il “settebello “ di domenica a Firenze ha maramaldeggiato sotto le Due Torri confezionando un applaudito poker . In breve la cronaca, con Virus prima leader e  poi accondiscendente nei confronti del duo Vitesse/Bellei che hanno dapprima inscenato uno stucchevole stop and go,  per poi staccare in bello stile e vincere a media di 1.16.3 sulla stessa Virus e su Vanity Spritz, deludente la precoce reginetta estiva Very Good Zs. Pomeriggio rigido per il comunque presente pubblico bolognese, ma non per il netto favorito Tsunami Gifont, leader indisturbato nella gentleman posta in apertura, dove Trilly Gual ha abbandonato la compagnia a causa di una irreparabile rottua e Tiffany Effe ha solo avvicinato il cadetto guidato da Matteo Zaccherini, vincitore in 1.16.1 con Talito Gso al terzo posto, poi, assolo d’approccio per il ricco giovedì targato Bellei grazie alla plebiscitaria scelta del betting, Sabine Inn Ronco, che in 1.14.2 ha facilmente disposto del biondo Skoce D’Aghi e del carneade Poker Op. Un ritrovato Uno Gadd ha riportato in bello stile la terza corsa, del convegno, media di 1.15.8 per il tre anni allenato da Lamberto Barbieri e guidato con ottima scelta di tempo da un ispirato Andrea Farolfi, ed alla quarta, delusione per i supporter di Roger Prav, solo terzo all’epilogo dopo aver condotto dal via , batutto in 1.13.5 da Sophiaz, ancora Bellei e da Silverado Lux, ancora un Vecchione nei panni del valletto. Copione rispettato alla quinta corsa, miglio per vecchie glorie che l’immarcescibile Bellei ha vinto  alle redini di Paolo  Om dopo aver ricevuto il free way da Spirit Rok e aver staccato in 1.15.4 sulla trascurata Sissi Pul e sullo stesso allievo di Stefano Clementoni, poi, Vecchione in vetrina alla settima con Uxploit Wind, tre anni di casa Ehlert che in 1.15.5 ha irretito la labile compagnia precedendo di qualche lunghezza Uriel Francis e il fratello d’arte, del più noto Tedo, Uragano Fks. Pronta replica in chiusura per la connection teutonico campana, grazie al finish di Ti Amo Petit, venuto a battere la leader Toutre e salire sul gradino più alto del podio al brillante ragguaglio di 1.15.8 assieme al quattro anni guidato da Manuel Pistone e alla sorprendente essa Us.

> Torna Indietro