-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: DOMENICA 7 APRILE

Una domenica ad alta velocita'
 - Convegno nel segno  dello spettacolo quello proposto dall’Arcoveggio in una soleggiata domenica  d’aprile, con i
quattro anni insigniti del ruolo di star del pomeriggio ed una divertente suite agonistica a divertire i numerosi
spettatori convenuti al trotter bolognese. Reduce da un brillante assolo bolognese, Pontiac Turbo ha ribadito il suo
feeling con l’anello felsineo vincendo a media di 1.13.6 dopo  ficcante attacco alla stanco leader Powder Fi, mossa  ben
orchestrata dal suo estemporaneo interprete Max Castaldo, in regia causa appiedamento del titolare Lorenzo Besana, mentre
Priest Prav ha conquistato la piazza d’onore sul passista Pioneer Gar  sempre nelle retrovie e autore di finale ad
effetto. Ouverture in compagnia dei gentleman e vittoria per l’inedita coppia Roxanne Va/Canali dopo serrato finish con
Roxy Wind, Rajah Press e Raja Muttley, tutti racchiusi in un fazzoletto al ragguaglio di 1.16.5, poi, performance per
certi versi sorprendente di Minerva Gas, miler provetta che ha irretito gli avversari sulla poco gradita distanza dei
duemila metri, registrando un eccellente 1.16.7 utile a tenere a bada i reiterati attacchi di Norton Valm ed il finale in
“spinta”  di Magna Spes Par, con l’ospite lombardo/veneto Legati ed il suo Oceano Ek a segno nella terza , in un brillante
1.15.4 sul diligente Mirtillo e sulla labile  favorita Melody Dechiari. Tre anni alla quarta e coast to coast per i
toscani Red Moon Mb e Edoardo Baldi, 1.16.7 in souplesse per lasciare la piazza d’onore a Peppino Maisto e Remember Isle
con Raimbol Caf terzo a debito distacco e alla quinta, autentico numero del favorito No Limits Bi, 1.14.3 senza mai una
sosta tattica lungo il percorso, con Oriente Dei Sogni e Oregon Bond giunti  nell’ordine non lontani dal duo in
rossoverde. Folla in pista anche alla settima, quattro anni sui due giri di pista e pronostico in bilico tra l’ospite in
giubba gialla made in Meli, Para No Verte Mas, oggi agli ordini di Beppe Lombardo ed il corregionale Pianeta Bag, affidato
al veronese Montagna, con quest’ultimo vittorioso dopo tattica d’avanguardia e l’avversaria solo quarta preceduta dal
sorprendente Piper Legend e da Pizzolotto in 1.15.2 e asticella in alto alla ottava, per un epilogo di qualità che
Ortolano Jet e Gianvito D’Ambruoso hanno dominato da un capo all’altro in 1.14.6 con Locomotion Om e Oriund D’Anerol alle
piazze mentre non  è mai entrata nel vivo della contesa la considerata Lady Del Pino unitamente a Nara Cast, con Orione Om
tra i cattivi causa errore in zona off limits.
 


> Torna Indietro