-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: Domenica 31 Marzo Pasqualand

Piccoli campioni crescono
 - Sprazzi di incipiente primavera nel festoso cielo bolognese, finalmente una cartolina con il sole, seppure timido e velato da qualche nuvola, dall’Arcoveggio, che nel giorno di Pasqua ospitava  i tre anni chiamati a rodare la forma in vista del prossimo Gran Premio Italia, in otto dietro le ali della macchina, con il titolato  Re Italiano Ur nei panni della star nonostante la lunga sosta e minacciose presenze tra gli agguerriti avversari, tra tutti, Rockfeller Font, eletto favorito sin dalle prime battute. del gioco. Alla chiusura delle ali, Rockfeller Font e Robinia si disputavano la leadership, mentre Rouen Peste Tnt e Rogito di Azzurra finivano con lo sbagliare, sul rettilineo di fronte Robinia concedeva il free way all’avversario mentre Re Italiano rimaneva discosto preceduto da Rombo di Cannone e  Ridda di Azzurra. Al passaggio,  Vecchione cercava di ridurre il ritmo del saldo battistrada Rockfeller, al cui esterno Andreghetti muoveva  l’atteso Rombo di Cannone con in scia Ridda di Azzurra che però sbagliava irrimediabilmente, mentre alla corda Robinia precedeva Renuka Ferm. Il pressing di Rombo diveniva via via più labile con l’avvicinarsi della piegata conclusiva, dove Rockfeller  accelerava staccandosi dall’avversario che finiva ancora secondo sul finish di un prudente Re Italiano Ur, 1.14.6 la media di un vincitore già maturo per i palcoscenici classici sotto l’egida del teutonico Holger Ehlert  e quarto posto per Renuka Ferme su Robinia.
Ouverture nel segno della leva 2010,  con il ritiro della Bellei, Rosa Dei Venti a privare la sfida della sua favorita tecnica  a vantaggio dell’equilibrio al betting, che riservava a Riviera As un minimo vantaggio ai punti su Rea Silva, la quale, sfruttando il suo eccellente stacco iniziale, ha impostato gara sul ritmo rendendosi  intangibile a Romina Om e alla sopraccitata Riviera in 1.17.4 con Maurizio Pieve ai comandi della promettente vincitrice, poi, cadetti di buon lignaggio e attenzioni rivolte verso l’improvvisato binomio Priscilla Spin/Andreghetti, impressioni confermate dal coast to coast, che la femmina allenata dai Gocciadoro ha concluso in un probante 1.14.6  davanti a Pepe di Jesolo e Pisa Spin, con Pin Speed Gad Sm tra i “cattivi “ causa irrimediabile galoppo in zona off limits. Terza nel segno dei gentleman, con quote omogenee tra le quattro punte Principessaprincy, Principe Ovi, Penelope Ek e Poliedrica e quest’ultima a segno sotto la regia di Michele Canali dopo agevole  percorso d’avanguardia, favorito anche dalle rotture in partenza di Penelope e Principe, poi, alla quarta, Masurin Jet scatenato in avanti e poco graduabile dal suo interprete e delusione per i sostenitori di una dispersiva Nara Cast, con Oregon Mik a segno ad alta quota su Navaya De Gloria e lo stesso, labile, Masurin, 1.15.1 il ragguaglio per il ritrovato allievo di Giorgio Cassani e Navaya a recriminare per alcuni intralci subiti lungo il percorso. Il lungo itinere pomeridiano riservava la quinta corsa alle lady di quattro anni, nove i binomi impegnati sul miglio e successo in open stretch per Paris Roc e Andrea Buzzitta, il driver siciliano sfortunato in precedenza ha pennellato la giumenta di casa Rocca rubando l’ultimo tempo di trotto ad una generosa  Paradise Petit, mentre Penelope rientrava alla movimentatice Palladipelo Atc conquistando la terza posizione, 1.16.4 il tempo al chilometro ed alla settima, con un repentino cambio meteo a rinfrescare l’aria ed intristire il cielo, 1.15.6 per Opinion Roc e doppietta pomeridiana per Andrea Buzzitta, secondo posto per l’opportunista Macaone Jet e medaglia di bronzo al favorito Man Ray Mb, poi, in chiusura, Ocean Fans e Marco Stefani a segno in open stretch su Nirvana Jet , favorita e leader lungo il percorso ma poco grintosa all’epilogo, e al terzo posto Nureci.
 

PROVE DI QUALIFICA E RIQUALIFICA

SCUDERIA
ALLENATORE
DRIVER
N.
CAVALLO
DIST.
DATI
PADRE E MADRE
Tempo TOTALE
Tempo al KM.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sc.Baby Stable
Vit.Tufano
M.Stefani
1
IL CAPO DJ
1600
cb 9
Enguerillero e Zorita Joy
R.C
 
Sig.Parrini Pietro
H.Ehlert
H.Ehlert
1
PISTACCHIO
1600
ms 4
Ganymede e Venella Gius
2.01.8
1.16.1
Sig.Prospero Mauro
G.Marani
G.Marani
1
RED BULL
1600
mb 3
Uronometro e What A Joy
2.04.5
1.17.8
Sc.Praticello
L.Barbieri
G.Ballotta *
2
ROSAMUNDA GUAR
1600
fb 3
Uronometro e Cabella Gi
N.Q
 
Sig.Caporali Zignani Samuele
And.Vitagliano
And.Vitagliano
3
RUGIADA GRIM
1600
fb 3
Kick Tail e Boloturia
2.04..8
1.18.0
Sc.La Torre Due
M.Trevellin
M.Trevellin
4
ROLEXST
1600
mb 3
Varenne e Emirast
R.C
 


> Torna Indietro