-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: Domenica 28 Dicembre 2014

Sonia chiude vincendo il 2014 dell’Arcoveggio
Il Generale Inverno è entrato a pieno titolo tra i protagonisti dell’ultima  domenica del 2014 al trotter bolognese dell’Arcoveggio,  prima imbiancando l’anello felsineo nel corso della mattinata, poi, intirizzendo gli spettatori, convenuti per salutare una giornata dai divertenti spunti tecnici su cui spiccavano il clou riservato ai tre anni e le due tradizionali sfide dedicate all’Addio alle Corse. Centrale nel segno dei pochi ma buoni, con il ritiro dell’ininfluente Superba Bro a ridurre a cinque il numero dei contendenti e Sonia a mantenere fede al ruolo di favorita dopo aver respinto Sonny Club al via e ave irretito lungo il percorso i velleitari tentativi esterno di Singer Del Ronco e Superbo Op, con la media di 1.14.4 a confermare le eccellenti doti atletiche della home breed di casa Legati che ha lasciato a margine  Sonny Club e Superbop Op, donando il “triplete” a Roberto Vecchione. Prologo della polare domenica , un miglio per due anni dal buon ruolino di marcia, con l’allieva di Walter Zanetti ,Twiggy Laksmy, a segno in bello stile sotto la lucida regia tattica di un ispirato Roberto Vecchione davanti a Timo Rivarco Op e a Torres dei Greppi in un comodo 1.18.4 nel pieno rispetto del suo ruolo di favorita ed alla seconda,ancora una vittoria per un’inviata del trainer veneto e per portacolori della franchigia trevigiana della D’Altemps,  Trendy Kronos il suo nome, che in percorso d’avanguardia e a media di 1.18.3, ha irretito la concorrenza ben interpretata da Roberto Andreghetti, mentre Thypoon Gar e il favorito Tanksgiving Ok hanno completato il podio; ultima curiosità ed ennesimo fil rouge tra le due giovanissime  vincitrici, la paternità del prestigioso sire francese Love You. Terza del pomeriggio e prima manche dell’Addio alle Corse, schema ad handicap e favori di un plebiscitario pronostico per il decenne Isaak Bi, fighter che Alessandro Raspante ha mantenuto ad eccellenti livelli sino ad ora, ma che proprio nel giorno dell’epilogo ha steccato rompendo irrimediabilmente quando ormai pareva aver risolto la pratica relativa alla vittoria, il tutto a vantaggio di un beniamino della tribuna bolognese, lo stacanovista Imeneo del Ronco, preminente in open stretch sul coraggioso leader Gino Pap e su Navaya de Gloria in 1.18.5 sulla media distanza regalando la momentanea doppietta a Vecchione proteso ad un difficile inseguimento alla leadership bolognese tra i driver. Cadetti e distanza del miglio alla quarta, per una delle sfide dal maggior tasso tecnico del grigio pomeriggio sotto le Due Torri , vittoria per una sorprendente quanto encomiabile pensionarlo di Ettore Vairani,Rhytm’n Blues, che Maurizio Cheli ha proiettato all’avanguardia dopo breve scaramuccia con Rughy delle Selve, sostenendola poi  in arrivo sul ritorno dell’avversario e di una poco fortunata Riviera As, il tutto al ragguaglio di  1.16.6 impreziosito da chiusa imperiosa. A pomeriggio inoltrato la seconda puntata dell’Addio alle Corse con Nirvana Effe a conquistare un prezioso successo nelle mani della sua proprietaria Elena Bruniera, vittoria legittimata dalla media di 1.15.4 che ha permesso alla giumenta allenata da Alessandro Raspante di spaziare sulle coetanee Niagara Leo e Nedel, e guadagnare il pass per un altro anno di attività agonistica ed alla  settima, raddoppio per Andreghetti e triplo per Walter Zanetti, rispettivamente driver e trainer dell’indiscusso favorito Salazar Laksmy che in un banale 17.4 ha lasciato alle sue spalle Stella Ama e Simple Photo, tra i pochi superstiti di una corsa che ha visto sbagliare Swami dei Daltri al comando e Sirio Trio in dirittura nel tentativo di sorprendere Salazar ed in chiusura, out i più attesi Rose e Rayo e  coast to coast vincente per Reginella Fraset, allieva di Gennaro Casillo improvvisata da Alessandro D’Ettoris causa indispostone del titolare, che in 1.16.4 ha tenuto testa ai tentativi di Remo di Piaggia e Rosalind Leo. 

> Torna Indietro