-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

RESOCONTO CORSE: DOMENICA 23 FEBBRAIO

Samara Jet suona la quinta   
 - Una soleggiata domenica ha riscaldato animi e cronometri all’Arcoveggio, con la pista veloce a registrare ragguagli di livello per molti dei performer in gara a cominciare dai protagonisti del prologo, un miglio per cadetti che ha visto  la vittoria in 1.16.0  di Really Dl ( Andrea Farolfi) su Race The Wind Bi ( Antonio Greppi), tra i più attesi al gioco assieme alla deludente Rondine Jet, mentre Riomurtas ha conquistato la terza posizione dopo aver coraggiosamente condotto sin dalle prime battute. Testimone ai gentleman con l’arrivo della seconda, un miglio per anziani con il duo Olympic Nord Fro e Paolo Bindi in cima alle preferenze, ruolo rispettato solo in parte dalla coppia toscana, costretta al largo dalla collocazione tattica e preceduta  dagli eccellenti Orlando Blue, con Michela Rossi e Patroclo Fks, con il neofita Patrik Romano, giunti nell’ordine sul palo in un significativo 1.15.2. Tre anni nel prosieguo e delusione per i supporter del plebiscitario favorito Shing Wise, per la vittoria, dopo percorso d’avanguardia, di Spitfire Effe e Roberto Vecchione su Suza D’Aghi e Sarule in un comodo 1.18.5, poi performance monstre per Primula Brazzà, 1.13.7 il suo ragguaglio, ottenuto battendo una scatenata Pica Bon che ha dovuto inchinarsi allo strapotere atletico dell’allieva di Andrea Farolfi, mentre una diligente Pin Speed Gad Sm ha completato il podio a debito distacco, alla quinta, pletora di vecchie glorie e arrivo a fruste alzate, con Antonio Greppi a trascinare alla vittoria in 1.16.7 il suo Principe Ross su Ortello Park e Passione Nor.
Un sestetto di tre anni ha dato vita al clou di giornata, un miglio dalla consistente borsa che la favorita Samara Jet ha dominato da cima a fondo in un brillante 1.15.7  inanellando la quinta vittoria un sette uscite regalando il double al suo interprete Roberto Vecchione mentre Seattle Bi e Sweet’n Sour hanno completato il podio. Zampata di classe per Andrea Buzzitta alla settima, con il driver siculo ad interpretare al meglio l’allievo di Moreno Monti Road Nor e portarlo  al primo successo in carriera davanti a Rose e a Rachele, preminenti in dirittura sulla labile battistrada Rika ed in chiusura,” botto” per Oregon Mik e Giorgio Cassani che nonostante la penalità ed un schema non proprio gradito hanno debellato le resistenze di Lucio Di Jesolo vincendo sull’opportunista Osoppo e sul favorito Passion Barboi.

 


> Torna Indietro