-
Ippodromo Cesena
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00106

GRAN PREMIO CITTA' DI CESENA : APPUNTAMENTO PER DODICI

Il lungo itinere del circuito classico riservato ai quattro anni trova nel Savio un porto accogliente ed un teatro ricco di suggestione, la sede ideale quindi, per poter esibire individualità di assoluto primo piano nel rispetto di un Albo D’Oro sul quale campeggiano nomi di autentici campioni, da Contessa De Sota, che suggellò l’edizione del 1950, a Crevalcore, gloria indigena legata indissolubilmente al nome di Vivaldo Baldi, passando per la valkiria Agaunar, e in tempi più recenti a Varenne, inimitabile fuoriclasse che proiettò il trotto italiano ai vertici mondiale, ed arrivare al 2015, con la leggiadria di Smeralda Jet e il talento di Antonio di Nardo in cima al podio, per un’ apoteosi della scuola campana che propose anche Spinello Jet alla piazza d’onore. Il Città di Cesena targato 2016 offre un  ampio spaccato di una generazione che sin dai primi passo ha proposto soggetti dalla regale genealogia e dall’intrigante modello, ben dodici saranno stasera, i rappresentanti di una leva  ben rappresentata dal vincitore del Derby, Testimonial Ok, che a sorpresa ma del tutto legittimamente nello scorso ottobre conquisto il Nastro Azzurro per poi rientrare alle gare  a stagione inoltrata e ottenere i prestigiosi podi del Nazionale e nel Triossi e candidarsi, assieme al suo fidato partner, Enrico Bellei al successo in riviera, contro coetanei in grande forma ed in alcuni casi, in prepotente divenire. Difficile il compito per portacolori emiliano/romagnolo nato su prati della famiglia Branchini e allenato dal teutonico Holger Ehlert, sulla missione in Romagna, spirano infatti venti di agguerrita competizione mossi da compagni d’avventura tornati in invidiabili condizioni di forma dalla campagna francese come Tamure Roc, reduce da un ricco risalto nella terza dei Galli e oggi guidata da Vp Dell’Annunziata, oppure da Tenerife, che partirà da Migliarino Pisano in compagnia del favorito e che farà tesoro della ispirata partnership con Vecchione e di un fortunato sorteggio che le ha donato un numero due foriero di ottimistiche aspettative in ottica podio, mentre Tantalio si avvarrà del talento di Antonio di Nardo per esibire un invidiabile regolarità di servizio come palesato in occasione del trial preparatorio di qualche giorno orsono, vinto in bello stile dal cadetto forgiato da Gennaro Casillo, dopo avvincente recupero nelle fasi finali. Le Oaks del trotto hanno sin qui rappresentato l’acme della carriera di Teorema Om, altra toscano in trasferta sulle rive del Savio, che nel 2015 ha vissuto un autunno da autentica reginetta regalandosi anche la piazza d’onore nel Mangelli Filly per la gioia di Gennaro Casillo, oggi regista tattico della sua giumenta vista in progresso nel Carena dopo un scorcio iniziale di 2016 in chiaroscuro, mentre per il Temon Your, Sm, il viaggio da Vigone al capoluogo romagnolo presenta qualche incognita legata all’adattabilità alla pista da 800 del pupillo Smorgon, di fatto all’esordio nello schema ma preceduto da un brillante primo piano torinese e da incursioni oltralpe ricche di soddisfazioni. Bionda livrea, coraggio leonino ed un palmares di tutto rispetto accompagnano il tragitto dalle campagne venete a Cesena di Tedo Fks, consanguineo della campionessa Lisa America,che dopo il nulla di fatto tarantino di domenica  31 ci riprova a distanza ravvicinata, rincuorato dall’eccellente prospettiva tattica offertagli dal numero quattro sul sellino e dal collaudato feeling con Alessandro Fonte, mentre Tamia Jet dovrà dar fondo alle sue doti atletiche e ad una duttilità tattica non del tutto collaudata, per regalare a Lorenzo Baldi l’ennesima partecipazione ad effetto all’evento che lo vide primeggiare più volte, l’ultima in sediolo al sempiterno Newyork Newyork nel 2011. Si torna in seconda fila per trovare un'altra  proposta targata  Sant’Eusebio, dopo la femmina Tamurè, la franchigia lombarda schiera infatti il sempre più convincente maschio Taylor affidandone le sorti agonistiche alle abili scelte di Andrea Farolfi, stella di prima grandezza del panorama nazionale e presenza indiscussa nella top ten dei driver, mentre intriga la giubba rosso verde di casa Biasuzzi portata in gara da Toll Free Bi, home breed della compagine trevigiana in quanto figlio di Equinox e Fidji entrambi griffati Bi ed esordiente in prima classe dopo aver sfoggiato aurea regolarità in contesti meno impegnativi, con la severa scuola Gocciadoro rappresentata da Trinity Lux, assurto ad eccellente rendimento tanto da meritare l’avventura d’elite ed in pista preceduto da attestazioni di evidente fiducia del sempre misurato Alessandro, ed in chiusura, Tisserand Bi, splendida realizzazione di Battista Congiu che ha meritato la chance classica dopo  innumerevoli podi nei clou regionali e qualche vittoria, risultati vissuti con frenetica passione dai proprietari che hanno sempre creduto in brutto anatroccolo presto diventato generoso cigno delle piste emiliano/romagnole.

> Torna Indietro