-
Ippodromo Bologna
Gioco Sicuro

Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica
Per regolamenti, condizioni bonus e probabilità di vincita: www.agenziadoganemonopoli.gov.it e presso ippodromo.

Concessione n. 00105

DOMENICA 6 GENNAIO - TUTTE LE CORSE DELL'ARCOVEGGIO - inizio ore 14.35

 Gran Premio della Vittoria 2013: un’edizione equilibrata e bellissima

E in chiusura la TRIS 

Arcoveggio in festa per una Befana davvero ricca di doni, eventi collaterali, corse accattivanti ed affollate, il tutto ad incorniciare una spettacolare edizione del Gran Premio della Vittoria, appuntamento autunnale trasmigrato ad inizio anno, con i migliori age del panorama nazionale a sfidarsi sulla lunga distanza. Schema ad handicap per la maratona bolognese, dodici i soggetti che hanno accettato il selettivo ingaggio, due dei quali relegati a quota meno venti metri, con un vasto novero di candidati al primo alloro classico della stagione 2013 da ricercarsi in un contesto privo di figure di secondo piano. 
Reduce da un 2012 contrassegnato da brillanti piazzamenti e da vincite superiori ai centomila euro, Newyork Newyork reciterà ruolo di sicuro protagonista, vanta caratura atletica di peso e Lorenzo Baldi lo guiderà da par suo superando lo scoglio della penalità con un coraggioso percorso esterno, medesimo schema che costringerà Geox a dar fondo al proprio repertorio per rinnovare il feeling con una corsa vinta per ben due volte, nel 2009 e 2010. Risalendo le fila del compatto schieramento ecco la reginetta dello start, quella Martina Grif che tanto fa sognare Marco Smorgon ma che recentemente ha raccolto poco nonostante le aspettative ed incuriosisce all’esordio in pista piccola, poi, attenzione a Negresco Milar, campione giovanile ritornato in forma dopo una lunga eclisse e che Marco Guzzinati consiglia di non trascurare, mentre da Noah Bi a Giove Caf, passando per New Star Fks, tutti vantano garretti esplosivi, forma al diapason e partnership affascinanti, rispettivamente Vecchione, Bellei e Andreghetti. 
 
Alle 14.35 il primo rintocco di campana e subito i neo tre anni ad inseguire la prima vittoria di una verde carriera, con Rigel Hurricane favorito su Riordan Knonos e Rhapsody Gar, mentre l’asticella si alza alla seconda regalando la vetrina ancora alla leva 2010 con individualità di pregio su cui spiccano Red Rose America e Ripper Jet, atout griffati Andrea Farolfi ed Enrico Bellei. Professionisti in panchina con il sopraggiungere della terza corsa, agone per i gentleman a bordo di anziani dalla buona gamba, sui quali campeggia il binomio Miniero/Isidoro Del Rio, poi, miglio in rosa con folla di giumente di quattro anni e Bellei sugli scudi grazie a Pilates Bi, atletica allieva di Holger Ehlert. Cronometri bollenti alla quinta, dove l’ardente Nando Font ed il suo partner Vecchione si esibiranno nel proverbiale coast to coast che ne caratterizza le performance, e alla settima Priscilla Zak, atletica inviata dell’immarcescibile Smorgon. 
 
Dulcis in fundo, la Tris, con sedici coppie a dar vita ad un handicap ricco di soluzioni tattiche, dalla fuga di Leopardo Jet e Virzì, alla corsa d’assalto di Nuits e Vecchione, agli inseguimenti dei penalizzati Ortensia Pit e Macaone Jet, senza dimenticare che dal cilindro tecnico di Gil Mast sono spesso uscite performance ad effetto.
 

> Torna Indietro